lunedì 23 marzo 2009

La ragione non ha mai ragione.

Darkmind: …

Peppermind: Pronto?

DM: No.

P.: Eh? In che senso...

DM: Vieni al sodo.

P.: Ma è l’Hyper Maieu-

DM: Sì, sì, quel che ti pare.
Che cosa vuoi?

P.: … l’altro giorno, sono uscito di casa, per andare al lavoro.
In bici, appena uscito dal portone c’era una macchina in sosta vietata, che ostruiva il passaggio, quasi sempre ce n’è una, fuori dal mio portone.
Allora ho preso per il marciapiede, per immettermi in strada dal prossimo passo carraio, niente di che, qualche metro sul marciapiede in più…
Be’, un anziano, magro, allampanato, con un cappellino da cacciatore, sai, quelli con i paraorecchie, già lo sentivo che parlava tra sé, incazzato, e appena mi fermo: parte con la paternale.
Che non si può che tutti i giorni con la bici sui marciapiedi, che arrivano giù veloci, che non si sentono, che c’è rischio che gli vanno addosso, e basta, è vietato, andate in strada con le bici, balordi!
Io ascolto, mi girano le palle, ma che devo dire, ha ragione.
Allora glielo dico: mi scusi, ha ragione, ma comunque stavo andando piano e stavo attento…
Non mi fa nemmeno finire e mi dice: ma la smetta di prendermi per il culo, vada via i ciap, si volta e se ne va sempre bestemmiando.

DM: Gli sei andato addosso, spero.

P.: Ma che stai… ma no.
Il mio problema è: ok, ti ho detto che hai ragione, mi sono scusato… perché cazzo devi dirmi che ti piglio per il culo?
Non hai nessun motivo valido per pensarlo!

DM: Il tuo problema è un altro.
Pensi che tutti usino il cervello quando, secondo te, dovrebbe venire usato.
Ti sei fatto questo viaggio: una volta che gli dai ragione e chiedi scusa, a livello logico-semantico non c’è più niente da dire né da presumere.

P.: Appunto…

DM: Appunto una sega.
La ragione non si usa così, mai.

P.: Ma non è vero!

DM: Tu sei un povero coglione, ma puoi se non altro intuire che OGGI non si usa così.
L’elezione di un mafioso, ladro, a cui chiaramente non frega nulla del popolo italiano, dovrebbe suggerirti qualcosina.

P.: …

DM: Esatto.
Si usa la pancia.
O il cazzo, meglio.
Il vecchio pensava che tu lo pigliavi per il culo perché gli tornava utile farlo.
Punto.
Non serve attenersi ad alcuna regola logica o di riferimento semantico.
Sei una merda su due ruote che attenta alla sua vita mediocre, tutti i giorni, e in più cerchi pure di prenderlo in giro quando lui, miracolo!, è dalla parte della ragione, che di solito invece anche lui ruba, trama e cerca di metterla nel culo agli altri, come tutti.

P.: Ma così non si può più discutere, mai, su niente…

DM: Non guardi la televisione.
Dovresti.
Per discutere bisogna solo ripetere all’infinito la propria tesi.

Più sempliciotta è, meglio è.
E piacere a chi ti ascolta.

P.: Ma…

DM: L’intelligenza si usa solo per fottere meglio gli altri.
A quel vecchio, dovevi andargli addosso, urlandogli che eri un vigile in borghese e che lui stava intralciando la giustizia, con quel cappellino da idiota.
Eccoti le tue regole logico-semantiche.

P.: … ma è assurdo…

DM: Ovvio, per questo funziona.
Tipo quello là che dice non c’è crisi, bevendo champagne nella villa-anfiteatro.
Surreale.

Ma invece di prenderlo, mettergli un sacco in testa, sprangarlo a sangue, senza spiegargli niente, lo voterete ancora, sempre che non crepi mentre si fa la Carfagna.
Funziona.

P.: … quindi, se uno molla la sua tipa e va in vacanza con un’altra, e pubblica le foto cambiando la data pur di non ammettere che ha fatto una porcata, va bene?

DM: In teoria.
Solo dovrebbe sapere che su Flickr la data reale dello scatto la puoi sempre rintracciare nei metadati, quindi è un emerito idiota.

P.: Non un ominicchio?

DM: (lo scatto dell’accendino, il crepitare della brace che accende la sigaretta, e il soffio della prima boccata)
Lo sia o no, alla pancia non interessa.

P.: Ma è tutto qui?
Che desolazione…

DM: Puoi sempre dare fuoco a una caserma di Polizia.
E crepare nel susseguente conflitto a fuoco.
Piace come morte?

P.: Vabbe’, ho capito, buonanotte eh?

DM: Illuso.
Sarà una notte fredda.
Di solitudine e rancore.

SE GUARDANDOVI NEGLI OCCHI SAPESSI DIRVI CHE È ORA DI BASTA, VI GUARDEREI...

SE TELEFONANDO IO POTESSI DIRMI ADDIO, MI CHIAMEREI...

2 commenti:

Digó János ha detto...

"prenderlo, mettergli un sacco in testa, sprangarlo a sangue, senza spiegargli niente" --> porco Dio m'è venuta un'erezione...

peppermind ha detto...

Rido... dai, appena vieni a trovarmi si organizza... sia mai che poi mi danno dell'inospitale.